Crea sito

Articoli per la categoria ‘Politica’

Piano di Fuga Pieno di Figa

scritto da Profeta Incerto
Feb 22

Silvio Berlusconi - La sua voglia di pelo

Così tanto poco m’interessano le cose terrene (levato giusto i soldi e la fica) che mi grava scrivere di un argomento così “qui e ora” come la politica italiana di oggi.

Che poi mettiamo uno stia leggendo queste note dopo l’anno 3000 della dimenticata era cristiana, ci sta che non ci capisca un accidente. Certo, magari non capisce neanche se le legge oggi; che poi “oggi” sarebbe “oggi” pure nel 3000, ma alla fine chi se ne frega se uno non capisce; insomma dimenticate questo capoverso.

Silvio, a salvarti il culo ci penseranno avvocati, preti, golpisti, parlamentari venduti, l’opposizione, i giornalisti, i servizi segreti, la massoneria e la mafia.

Ma se assieme al culo vuoi salva anche la gloria sai bene che puoi dare retta solo al Profeta Incerto.

Manifèstati ordunque a reti unificate e pronuncia il seguente discorso che ho scritto per te, che poi ci regoliamo dopo come al solito.

“Care amiche, cari amici, erano i tempi del Drive In quando cominciai a porre in essere il piano che oggi è quasi giunto a compimento. Allora mi feci due conti: poniamo un festino con 30 escort, tutte le sere per i prossimi diciamo 30-35 anni, fa un totale di… (gnik gnik, freghi a casaccio con la stilo) poco più di 300.000 escort.

Ne servono di più, pensai.

Fu allora che chiesi, fin da subito – erano i primi anni Ottanta – l’attiva partecipazione dei due fedeli amici Lele ed Emilio.

Ricominciai il conto:

30 escort ciascuno a sera per
3 amici per
365 giorni all’anno per
30 anni fa…
(gnik gnik gnik) 985.500 escort.

L’avete riconosciuto?

Proprio così, è il milione di posti di lavoro che ho solennemente promesso a tutti voi all’inizio della mia carriera politica: eccolo qua, bello che fatto.

Già immagino i disfattisti della sinistra dire che 900 mila e rotti posti di lavoro non sono un milione.

Ebbene, proprio per perfezionare il conto ho deciso di invitarvi questa sera alla più grande festa di tutti i tempi nella mia residenza di Arcore. Venite tutti quanti, amiche e amici, anche voi compagni della sinistra e voi giudici comunisti, troverete cibo, champagne, musica, latte più e 14.500 troie già pagate.

So che ve lo state chiedendo e sì, ci saranno anche quelli di Uomini e Donne, di Amici e del Grande Fratello, ci saranno le Veline, le Letterine, le Sottosegretarie1, e molte altre sorprese ancora.

Chi invece non ci sarà è Silvio Berlusconi. Brindate e trombate alla mia, amiche e amici, poiché questo è un addio: quando vedrete questo messaggio infatti io sarò già partito per… Ahahah, orcodio lo stavo davvero per dire!”

Nella foto: la famosa voglia di pelo.

  1. Indovinate perché si chiamano così (N.d.Gianni Letta). []

Incubo di un Animalista

scritto da Profeta Incerto
Gen 22

Binario Morte

Se andate nel bosco e chiedete a Mamma Orsa vi dirà che tra le peggiori sorti che teme per i suoi figli Licia Colò viene prima dei bracconieri.

Io amo gli animali ma non sopporto gli animalisti, perché come tutti i fanatici sono fanatici.

Arrivo a dire che il fanatico animalista è potenzialmente un criminale, come quegli antiabortisti americani che uccidono i medici che praticano l’aborto. Quelli cioè che praticamente sono contrari all’aborto ma gli va bene l’omicidio1.

A sostegno della mia tesi propongo il seguente dilemma morale per animalisti.

Siete il manovratore di un treno che fila nella landa. Attraverso il parabrezza scorgete là in fondo, proprio in mezzo alle rotaie, un neonato abbandonato che piange disperatamente.

Vi gettate sul freno ma ahimé non funziona; e no, non funziona nemmeno ogni altra soluzione a cui state pensando. L’unica possibilità per salvare l’innocente è azionare una leva che farà deviare il treno su un binario laterale poco più avanti.

State per farlo quando vi accorgete che anche sull’altro binario c’è qualcosa. Stavolta non si tratta di un neonato bensì di un cagnolino: sì, un povero cucciolo di bastardino legato a terra che guaisce spaventatissimo.

Non c’è scampo: una delle due sfortunate creature dovrà morire maciullata dal treno, spetta a voi decidere quale, e pure alla svelta.

Che cosa fate?


Scopo del test, come i più savi di voi hanno già capito, è dimostrare che anche le zanzare hanno un’anima e che quindi le ritroveremo tutte in Paradiso.

Alcune interessanti variazioni sono:

a. Al posto del neonato c’è un fragile ponte che forse non reggerebbe il peso del treno;

b. Al posto del cucciolo di bastardino morbidoso c’è un cucciolo di Pitbull Anticristo Sterminatore Pluriassassino (di nome Fofi);

c. Al posto del cucciolo di bastardino c’è un neonato negro, ma qui sconfiniamo su tutt’altro tema.

Adesso inviate questo articolo a 10 vostri amici animalisti, o equivalentemente a Licia Colò.

Nella foto: mentre voi perdevate tempo a leggere questa didascalia
il treno ha tirato diritto. Così il cucciolo è salvo, e solo grazie a voi.
Da grande per sdebitarsi trasmetterà la piroplasmosi a vostro figlio.

  1. Che è un po’ come dire sono contrario alla caccia perciò gli uccellini li mangio vivi. []

Articolo Uno

scritto da Profeta Incerto
Set 17

Africa Allargata

La nostra preziosa, pregiata e rilegata Costituzione Repubblicana inizia così:

“L’Italia è una Repubblica Democratica Fondata sul Lavoro.”

Ora, il lavoro, lo sanno tutti, in Italia si basa sulle spintarelle e sullo zoccolaggio. Per la proprietà transitiva vale dunque che:

“L’Italia è una Repubblica Democratica Fondata
sulle Spintarelle e sullo Zoccolaggio.”

So di certo che questo buffo ma significativo sottinteso era perfettamente noto a quei burloni dei Padri Costituenti.

Leggendo ancora tra le righe, la stessa scelta di chiamarsi tutti Padri alludeva spiritosamente al fatto che la Madre è ignota.

Però, che incredibili mattacchioni.

Nella foto:
ipotesi di studio: valutare maggiore coerenza situazione
socio-politica italiana assumendo passato errore deriva continenti.


Lo Spiano Case

scritto da Profeta Incerto
Giu 27

(sì, comincia te)

Quand’è che cominciamo a buttarli giù, questi palazzi del cazzo che spuntano fitti come palazzi del cazzo ovunque in città e campagna, su spiagge, prati, campi, spiazzi, zone agricole, riserve naturali?

Ci sono più case in cielo e in terra che nella tua filosofia, o Ermione1.

Quelli che tirano su le case distruggono col cemento il territorio (campi, prati, zone agricole, riserve naturali, spiazzi…).

Allora perché li chiamano ancora costruttori?
Cominciamo a chiamarli distruttori.

Sentite un po’ se non suona più corretto:

“A Milano c’era un parco e i distruttori ci hanno fatto un complesso residenziale”.

“Qui c’era un bel prato, poi sono arrivati i distruttori con le loro gru e ne hanno fatto un parcheggio multipiano”.

“Da qui si vedeva l’orizzonte a perdita d’occhio, ora che sono passati i distruttori si vede questo centro commerciale”.

Per ricordarsi che esiste, l’uomo ha bisogno di vedere più cielo!2

Nella foto: non so non so, perché continuano,
a costruire, le case, e non lasciano l’erba,
non lasciano l’erba, non lasciano l’erba.

P.S.
Questa storia dei distruttori me l’appoggia anche Grillo.

  1. Boh. Dev’essere la Vodka-Red Bull (N.d.Esegeta). []
  2. Io invece ora ho proprio bisogno di smaltire ‘sta vodka redbull, che tra l’altro mi fa cagare. Ciao anto []

Meritocrazia Vs Mignottocrazia

scritto da Profeta Incerto
Apr 28

Olivetto Lettera 22

Facciamo finta che possedere un lavoro sia, di per sé, una cosa desiderabile.

Immaginiamo ora anche un’altra situazione ipotetica: io sono un ricco imprenditore che ha bisogno di una segretaria di bella presenza, metto un annuncio e mi si propongono a colloquio 10 giovani candidate.

La meritocrazia è quel sistema di valori per cui, delle 10 candidate, scelgo quella che parla meglio inglese, che ha il curriculum più appropriato, che batte più veloce al computer, che conosce Office, e così via.

La mignottocrazia è quel sistema per cui do il lavoro a quella che durante il colloquio mi fa un pompino – scusate il burocratese.

Battezzata guardacaso in Italia1, la mignottocrazia2 alle volte è causa di scandalo, come se il sesso in cambio d’altro fosse una roba nuova o strana:

– Sai, ho sentito di una che ha fatto sesso in cambio di denaro e/o favori.
– Nooooooooooo!

In Italia chi è disposto a certi compromessi arriva sempre più su e sempre prima, a discapito di quelli bravi che se lo meritavano loro.

E intanto la società s’imbarbarisce, la cultura s’avvizzisce, lo studioso s’incupisce.

Non c’è dunque futuro lavorativo per chi pratica la conoscenza e l’impegno? I meritevoli sono una categoria condannata dalla selezione darwiniana?

No, macché. Quando il numero di quelli disposti a dare sesso in cambio di lavoro supererà una certa soglia di saturazione, mignottocrazia e meritocrazia insieme riveleranno un inedito e virtuoso bilanciamento.

Se 10 su 10 potenziali segretarie sono disposte a dartela durante il colloquio di lavoro finisce infatti che, in mancanza di altri criteri, scegli quella che dattilografa meglio.

Gli italiani, che quella soglia ce l’hanno dietro l’uscio, costituiranno l’avanguardia di una nuova fulgida utopia mignotto-meritocratica, e per di più direi senza meritarselo!

Per partecipare inviate cv con foto a [email protected]

Nella foto: consiglio ai giovani:
imparate a battere.

  1. Il divertente neologismo è di Paolo Guzzanti, noto creatore di comici. []
  2. In realtà l’accezione di Guzzanti è un po’ diversa ma insomma, vabbè. (N.d.Esegeta) []

Creazionismo vs Evoluzionismo

scritto da Profeta Incerto
Gen 30

Adamo e Eva secondo Darwin

Perché i cristiani sono tendenzialmente contrari alla teoria dell’evoluzione?

E’ evidente: gli evoluzionisti sostengono che i primi uomini erano come erano. Se i cristiani accettassero questo, in base al principio che Dio ha fatto l’uomo a Sua immagine e somiglianza, dovrebbero concludere che Dio è basso, peloso e cammina a quattro zampe.

Se gli evoluzionisti hanno ragione ci sta che i creazionisti prima o poi si estingueranno. Se hanno ragione i creazionisti allora saranno gli evoluzionisti a estinguersi. Ma questo sarebbe una ulteriore prova che avevano ragione loro1.

Il Profeta Incerto e i suoi seguaci appoggiano l’appello di Aldo Piombino al creazionista vicepresidente del CNR affinché per par condicio sostenga l’elezione di un cardinale darwiniano.

Nella foto: Adamo ed Eva secondo
l’interpretazione evoluzionista.

  1. Loro chi? []

Il Nucleare Alternativo

scritto da Profeta Incerto
Gen 25

Scajola Atomico

I grattacapi della reintroduzione del nucleare in Italia sono tanti e sono noti: ci sono le scorie della fissione, c’è il costoso uranio che in Italia neanche si trova, ci sono proteste su proteste su proteste, i rischi sanitari e militari, i brutti ricordi, i nuovi presagi, il referendum, le lobby, i ritardi tecnologici, Scajola.

Dinanzi a cotanti cazzi la domanda sorge spontanea come un fungo: potrà mai esistere un’energia nucleare sicura, conveniente e pulita?

Per la verità esiste già. In astronomica abbondanza. Si chiama “energia solare”.

Il Sole infatti altro non è che una centrale atomica a fusione che spande in giro con sfacciata generosità l’energia che ininterrottamente produce.

Tra l’altro serve proprio a quello.

Sta lì apposta1.

Non solo, il Sole è la centrale atomica ideale in quanto ci libera da tutti gli inconvenienti di cui sopra: niente distanze ravvicinate, niente disordini sociali, niente scorie tra i piedi, niente uranio, niente fughe, niente di niente.

Ok, tutti gli inconvenienti tranne Scajola, la natura fa quello che può.

In definitiva: se come me siete fanatici del nucleare, il solare è ciò che fa per voi.

Vi sembro troppo filo ecologista? Rimediamo subito: avete presente il petrolio? Ecco, il petrolio ha origine fossile, nasce cioè da processi di decomposizione di materia organica derivati dall’accumulo di organismi morti sul fondo del mare. Quindi di per sé il petrolio è biologico.

Nella foto: “il fungo atomico fa il puffo radiattivo” (O.Wilde).

P.S.
Questo articolo partecipa alla terza edizione del Carnevale della Fisica.

  1. Notate che quell’avanguardia della tecnologia umana che sono le future centrali cosiddette di quarta generazione la fusione nucleare controllata per ora se la sognano. []

Alberghi ad Auschwitz

scritto da Profeta Incerto
Dic 21

SvasticAuschwitz

(CAMPAGNA RECUPERO SIMBOLI COMPROMESSI DAL NAZIFASCISMO)

Auschwitz…

Chiudete gli occhi e pensate a questa parola…

Auschwitz….

Ecco cosa state visualizzando adesso: gelide inferriate, fughe di filo spinato, fasci giallognoli di lampioni immobili nella nebbia, corpi senz’anima e anime appese a corpi scheletrici, morte e desolazione ovunque, Nicoletta Braschi.

Orrori che l’inconscio occidentale ha ancorato eternamente a quella terribile parola.

Auschwitz.

Eppure, per banali inconfutabilità storiche, non è sempre stato così: prima delle atrocità dei campi di sterminio quella parola era libera di suggerire anche immagini positive. Magari addirittura allegre.

Voglio dire, forse c’è stato un tempo in cui ad Auschwitz era di moda andarci in villeggiatura con la famiglia. Immaginate per esempio certi coniugi Zebrowski, mercanti di Cracovia, seduti in sala da pranzo davanti al camino una sera di fine inverno. A un certo punto il signor Zebrowski (Karol) si rivolge alla sua amata dicendo “Sai, tesoro, quest’anno per le vacanze avrei pensato ad Auschwitz”, i bambini accorrono entusiasti, memori di colorati depliant: “Sììì, che bello! Papà quest’anno ci porta tutti ad Auschwitz!”.

Suona strano, neh? Eppure, come tutto ciò che esiste anche Auschwitz ha avuto un inizio. E come tutto ciò che ha avuto un inizio, prima c’era qualcos’altro.

Ok, potete riaprire gli occhi.

Nella foto: a Sx un antichissimo simbolo benaugurale di fertilità e di vita.
A Dx: la battuta più sarcastica del XX secolo.


Il Paradosso della libertà (PDL)

scritto da Profeta Incerto
Dic 17

Manoscritti Pnakotici

Me ne stavo in beata pace sul mio giaciglio a sfogliare i Manoscritti Pnakotici – li alterno alla Settimana Enigmistica come lettura notturna – quando d’improvviso vengo distratto dalla libertà. Al punto che addirittura mi sono dovuto alzare per scriverne:

La riprova che oggi in Italia ci sia massima libertà di opinione e di espressione sta nel fatto che suddetta libertà si può liberamente attaccare.

E’ evidente infatti che c’è più liberta là dove alla libertà si può essere contrari, piuttosto che dove su di essa la si deve pensare tutti allo stesso modo.

Il mondo sarà più libero quando cesseranno quegli orrendi regimi dove la libertà non si può neanche mettere in discussione.

Nella foto: i Manoscritti Pnakotici con qualche
appunto per il Sudoku (a matita, dài).