Crea sito

Articoli Taggati ‘Divisioni’

La Moltiplicazione dei Pani

scritto da Profeta Incerto
Mar 7

Croce Delizia

Oggi vi insegnerò a fare un miracolo.

Si tratta della moltiplicazione dei pani, resa popolare da Gesù di Nazareth.

In pratica si fa così: si prende un pezzo di pane e si divide a metà.

Ecco fatto. Ora avete due pezzi di pane.

Non c’è trucco né inganno1.

Qualcuno dirà: ma Gesù da un pezzo di pane ne ha cavati almeno quattromila!

E che ci vuole, basta che ogni mezzo pane venga a sua volta spezzato a metà, e poi ancora e ancora per una dozzina di volte a malapena. Vedrete che ve ne avanza pure.

Questo prodigio è reso possibile da una sottile discrepanza che esiste tra la matematica e l’esperienza quotidiana. In matematica se dividi un numero per due ottieni la sua metà, per esempio 8 diviso 2 fa ragionevolmente 4.

Nella vita di tutti i giorni se spezzi, strappi, tagli, rompi nel mezzo, non rimani con una metà bensì con due. In questo senso quando dividi per due una cosa, il più delle volte in realtà la raddoppi.

Quando invece la raddoppi, la raddoppi.

Quando invece una cosa prima la raddoppi e poi la dividi per due, la quadruplichi.

Se ne conclude che le divisioni che insegnano a scuola, quelle col resto di due, quelle che quante volte ci sta, quelle che non si può fare, quelle col dividendo, il divisore, il quoziente, il quoto e la quota, nel mondo reale non esistono e sono anzi fuorvianti.

E nessuno si deve vergognare se non è mai riuscito a impararle2.

Nella foto: un noto simbolo aritmetico adottato dai cristiani,
o viceversa, che ne so, comunque ho bisogno di Nutella.

  1. Funziona anche coi pezzi di pizza. []
  2. Puttana la maestra, mi hai rovinato la vita… []

L’indovinello del Cappellaio Matto

scritto da Profeta Incerto
Feb 14

Cappellaio Matto - Tenniel

Cappellaio Matto: – Che differenza c’è tra un corvo e una scrivania?

Profeta Incerto: – Nessuna.

Nella foto: l’unico originale e solo
Cappellaio Matto (quello di Tenniel).

P.S.
Dedicato al Carnevale della Matematica n.22 (‘o pazzo), iniziativa che vi esorto a seguire e alla quale non partecipo perché si potrebbero accorgere che non so fare le divisioni.