Crea sito

Articoli Taggati ‘Relatività’

Tutto Scorre. Già.

scritto da Profeta Incerto
mag 4

Opera dell'architetto Simon Slavina

Tra i motivi dell’agire umano, oltre alla fica, al potere, ai soldi, c’è quello di voler essere ricordati.

Quando muore definitivamente una persona? Quando nessuno si ricorda più di lui. Ecco perché si fanno le scoperte scientifiche, i capolavori dell’arte, le stragi a scuola.

Ma per quanto a lungo è possibile tramandare il proprio ricordo?

Quali sono i supporti più affidabili per conservare la propria memoria?

Gli sfigati oggi si affidano alla rete, gli illusi alla carta, i più ambiziosi alla pietra1.

Ecco, sì, la pietra… uno tira su un monumento, una cosa, una piramide, quella sta su per sei, settecento, settemila anni, che quasi uno ci crede… poi un bel giorno un terremoto, un meteorite, un accidente, e addio. E state sicuri che prima o poi succede. Non sarà oggi, non sarà domani, ma un giorno laddove in questo momento vivete, dormite, lavorate e toccate ferro ci saranno soltanto macerie e fossili, e poi manco più quelli.

Tutto ciò che amate, ciò che odiate, i vostri ricordi, i vostri capelli, la vostra specie… Tutto pare destinato a perdersi tra gli inesorabili cicli umani e quelli cosmici.

Dunque non esiste alcuna memoria che non sia deperibile?

In realtà, ecco, qualcosa del genere c’è.

L’universo, per esempio, ha una propria memoria, in un certo senso l’universo è la sua propria memoria, una memoria diffusa ovunque nello spazio-tempo.

Come tutti sapete (o state per sapere, che fa lo stesso) ovunque uno guarda, guarda nel passato: ogni cosa che ci circonda ci appare tanto più vecchia quanto più tempo la sua luce emessa o riflessa ha impiegato per raggiungerci. Naturalmente questo effetto è più evidente per le distanze siderali2.

Se in questo momento un abitante di Alfa Centauri – quattro anni luce di distanza – puntasse i suoi occhi acuminati verso la Terra osserverebbe il nostro presente di quattro anni fa a quest’ora, io mi stavo pomiciando una, pure discreta, e intanto ultimavo questa sfavillante parabola.

Da un pianeta situato a 65 milioni di anni luce potremmo essere, oggi, testimoni diretti dell’estinzione dei dinosauri. Allo stesso modo noi adesso, da qua, possiamo ipoteticamente sbirciare la preistoria di qualche civiltà attualmente avanzatissima.

Tutto quello che facciamo genera onde di presente che si propagano nell’universo alla velocità della luce, a beneficio di chiunque sappia e voglia raccoglierle3.

Potenzialmente nessun istante se ne va mai perduto. Tutto quello che siamo e diciamo e facciamo, compreso ciò che abbiamo dimenticato o nascosto o cancellato per sbaglio dall’hard disk, esiste, ora, in qualche luogo-periodo dello spazio-tempo.

Se considerassimo l’intero universo in blocco potremmo dire che tutti gli istanti della storia passata sono simultaneamente presenti.

Insomma, per farla lesta: tutto resta, quindi è inutile che vi agitate tanto4.

Il problema, casomai, è proprio cancellare le tracce.

Appunti per un film di fantascienza: gli scienziati sviluppano una tecnica che permette di osservare qualunque istante del passato della Terra tramite il riflesso su certi corpi astrali posti alla giusta distanza. Un’associazione filantropica fondamentalista, in nome della privacy e del diritto all’oblio, si oppone organizzando un piano per la distruzione dell’universo e della sua indiscriminata memoria. Il film finisce subito dopo la fine dell’universo. Questo genera un paradosso che fa finire l’universo.

Nella foto: opera dell’architetto Simon Slavina,
che frustrato dall’idea che prima o poi tutto
va in pezzi costruisce direttamente rovine.

  1. Figli? (N.d.Esegeta). []
  2. Ciò non toglie che anche se portate al polso l’orologio più preciso al mondo, quando lo guardate sarà sempre un pochino indietro. Ah, inoltre chiunque, e non solo Lucky Luke, può sparare un pochino più veloce della propria ombra. []
  3. E voi che ancora vi preoccupate delle impostazioni della privacy di Facebook. []
  4. Il Profeta tralascia la possibilità che anche l’universo sia destinato prima o poi a finire (n.d.Esegeta). []

Dimostrazione che la Terra è piatta

scritto da Profeta Incerto
dic 27

Terra_Piatta

Eseguite questo semplice esperimento:

Prendete un bastone bello dritto. Va bene un qualsiasi bastone di legno o di metallo, l’importante è che sia in grado di estendersi all’infinito dalle due estremità senza piegarsi, come il bastone magico di Sun Wukong, il leggendario Scimmiotto di pietra.

Tenete il bastone parallelamente alla superficie del terreno e ordinategli di allungarsi più che può. Ovviamente farete in modo che esso non incontri alcun ostacolo mentre si allunga.

Bene. Adesso, mentre con il corpo continuate a reggere il bastone, trasmigrate la vostra anima nello spazio, posizionandovi preferibilmente lungo un’orbita equatoriale1.

Cosa osservate? State certi che non sarà una roba tipo quella della Figura A, nella quale il bastone allungatosi a dismisura trafora l’atmosfera terrestre e si proietta gagliardo nell’abisso cosmico.

Ciò che vedrete sarà simile alla Figura B: il bastone sembra essersi piegato lungo la superficie terrestre al punto che gli estremi si toccano ai vostri antipodi, come un gigantesco Hula Hoop spezzato da un infame al polo sud.

Ma aspettate un po’, noi avevamo stabilito per ipotesi che allungandosi il nostro bastone magico sarebbe rimasto diritto.

Dov’è dunque l’inghippo?

La spiegazione di quel che è successo ce la dà Einstein nella Relatività Generale con la geniale intuizione che lo spaziotempo si piega per effetto della gravità2: il bastone in realtà è rimasto perfettamente diritto, è lo spazio ad essere incurvato.

E per quanto riguarda la superficie della Terra? E’ di nuovo la curvatura dello spazio a creare questa sorta di illusione di sfericità: così come il bastone resta diritto correndo parallelo al terreno, così la Terra era e rimane piatta.

L’antichissima superstizione che la Terra sia rotonda, nata ai tempi di  Parmenide, è ahimé ancora dura a morire.

Solo quando le moderne verità scientifiche piegheranno l’ottusità del senso comune usciremo a buon diritto da questo smisurato codazzo di medioevo.

Nella foto: una pregiata illustrazione scientifica.
Apprezzabile anche come disegnino di due occhietti col monocolo.

P.S.
Questo articolo partecipa alla seconda edizione del Carnevale della Fisica.

  1. Può darsi che non ve l’ho detto, ma per maggior agevolezza esplicativa l’esperimento del bastone va effettuato al polo nord. []
  2. Chi volesse approfondire può studiarsi le geodetiche e rispondere poi al seguente quesito: la curva è una retta piegata o la retta è una curva dritta? []