Crea sito

Articoli Taggati ‘Roberto Giacobbo’

2012: Mai dire Maya

scritto da Profeta Incerto
Gen 16

Sonda Spaziale Maya Chinich (Grande Sole)

Caro Profeta, cosa pensi della famosa profezia Maya sulla fine del mondo nel 2012? Alberto


Caro Alberto, sui maya molti sanno poco, pochi sanno molto, ma tutti sanno che erano astronomi esperti. Sapevano prevedere le eclissi, il corso di Venere e addirittura la durata del ciclo di rotazione galattico. Impressionante, vero?

No.

Aspetta, vorrei scandirlo meglio: NO.

Insomma, siamo seri, parliamo di mezzo millennio fa, oggi quelle cose le sa fare un bambino con una App dell’iPhone.

E’ un po’ come quando si dice che gli antichi egizi erano abili ingegneri: ok, Tutankhamon, quello è un grattacielo, vediamo come te la cavi tu con i tuoi macigni, i tuoi schiavi di guerra denutriti e le tue cazzo di carrucole di legno.

Se invece che “astronomi esperti” cominciassimo a considerare i maya “una mandria di primitivi superstiziosi in costume che sacrificavano compaesani nella giungla per ingraziarsi il temibile Dio Mais1” anche Roberto Giacobbo avrebbe una punta di imbarazzo nel dar loro credito.

Non si tratta di gettare fango sui maya (cosa che peraltro il Dio Mais apprezzerebbe come fertile omaggio), ma di contestualizzare le abilità di un popolo nel suo periodo storico, alla larga dalle frasi fatte e dai luoghi comuni.

Per tornare alla tua domanda, Alberto, stabilirei questo criterio generale: diffidate sempre di chi predice la fine della nostra civiltà, in particolare se non è riuscito a prevedere la fine della sua.

Nella foto: tipica sonda spaziale maya
in titanio e polenta taragna.

  1. Sì, i Maya credevano che l’uomo nascesse dal mais. Questo spiega l’irresistibile attrazione degli astronomi verso il pop corn. []