Crea sito

Credo in un solo Nulla

scritto da Profeta Incerto
mar 12

Nulla (il) è più grande di Dio

Non per ripetermi – oppure sì, per ripetermi – ma quello di Nulla è il concetto più estremo che la nostra mente possa lambire, l’ultima frontiera della ragione umana.

Molti di voi – moltissimi – obbietteranno che sono ben altre le idee inafferrabili a causa della loro mostruosa enormità: Dio, la Totalità degli Universi, l’Infinito…
sì, sì, vabbè, sciocchezzuole, cazzatine per adolescenti.

Nulla è come il Nulla.

Il Nulla è la cosa più inconcepibile che si possa non concepire, è l’antimateria dell’Essere, l’alternativa ontologica suprema, è il piccolo buco nero che si nasconde in fondo al nostro cervello, è il corto circuito violento del principio di non contraddizione: per essere deve non essere; c’è se e solo se non c’è.

Quando Leibniz si domanda “Perché esiste qualcosa invece che nulla?” si riferisce proprio a Lui, alla condizione perpetua di totale assenza di qualunque cosa: nessun oggetto, nessun concetto (compreso quello di Nulla), nessuna consapevolezza, nessun dio, nessuno spazio, nessun tempo, nessuna matematica, e infine nessuna possibilità che una sola di queste cose possa mai esistere.

Pausa. Fai vedere che c’è qua… mmm, crema di whiskey. Meglio di niente.

Che si diceva?

Di ogni cosa al mondo potete fantasticare che sparisca: cani, gatti, cavalli, cavalieri, superalcolici, ecc.

Ora, senza farvi male, immaginatevi che sparisca il Nulla.

Se dal Nulla si sottrae il Nulla non rimane Nulla, quindi rimane il Nulla1.

Boing.

Cos’è?

E’ il suono della ragione che rimbalza.

Perché non c’è nient’altro là sotto. Almeno non per noi. Potessimo affacciarci oltre quella soglia vedremmo, forse, i segreti dell’impossibile tempo prima del tempo, dell’insensato spazio oltre lo spazio, dell’assurda causa prima della prima causa2.

Ma allora, riepilogando, che ce ne facciamo di questo benedetto Nulla?

Boh, che ne so, intanto potete usarlo per dire ai vostri amici monoteisti che nella scala dei fondamenti ci sono cose che stanno prima di Dio. Anzi, se pure lui sentisse di dover pregare un’entità a sé soprannaturale, state certi che Dio adorerebbe il Nulla3.

Nella foto: (il) Nulla è più grande di Dio.

  1. Ancora un goccetto… []
  2. Non dico che da quella soglia non ci si possa affacciare, solo non attraverso la ragione. E non aggiungo altro perché mi brucia lo stomaco. []
  3. A meno che Dio non sia il Nulla, ma l’ho buttata lì. (N.d.Esegeta). []

Tags: , , , , , , , , , ,

Categorie: Filosofia ,Metafisica e Metamatica


9 Commenti a “Credo in un solo Nulla”

  1. io-io+noiNo Gravatar scrive:

    Non mi raccapezzo è evidente, questione di deriva-linguistica, Io e il Nulla non abbiamo la pallida idea dell’intreccio che formiamo a meno che te non ti prostituisca nel significato e tu ne sai qualcosa di cosa non possa nascere dal coito tra il Nulla non + e il significato, interrotto sul + Bello da cui Dio su cui inciampi immncabilmente, hai + sete tu di Dio che io del goccetto visto che è per un tratto di deriva naturale che tu sei arrivato in tempo, in tempo per chiederti quell’unica cosa su cui ti piace esprimerti, mi chiedo se non l’avessi così a portata di mano il Nulla cosa ti farebbe bruciare lo stomaco, se hai una striscia di tempo mettiti di traverso e aspetta che ti trascini nella replica del Nulla, cocco ho detto replica e non copia del Nulla. Salut, sono sempre io

  2. Mr. TambourineNo Gravatar scrive:

    “Lo zero non esiste
    niente è nulla
    tutto è mio”.

  3. nick the oldNo Gravatar scrive:

    auf deutsch “zero” man sagt null.
    et ça suffit.

  4. FataturkinaNo Gravatar scrive:

    mia nonna avrebbe detto: “ma una bella zappa no, eh?”. e qui si apre un quesito filosofico: ma le braccia del Profeta Incerto sono o no rubate all’agricoltura? e se sì, che se ne fa di una cotanta mente? e se no, idem con patate. o no?

  5. ZardoNo Gravatar scrive:

    .

  6. Al LunNo Gravatar scrive:

    Siccome dicono che nella testa non ho NULLA, dovrei credere di più in me stesso o comprendere perfettamente il tuo post?

  7. nick the oldNo Gravatar scrive:

    nihil sub sole (e neanche sopra, e neanche dalle parti).
    neanche col latino si va da nessuna parte.
    l’orrore, l’orrore, l’orrore (ad libitum).
    che poi, a pensarci bene, anche l’horror vacui un senso suo ce l’ha.

  8. Orso StancoNo Gravatar scrive:

    Il nulla. Come si può definire il nulla? Il nulla in quanto tale non esite e non può esistere. Immagginare il nulla è uno sforzo mentale contronatura. Se per nulla si intende la non materia e la mancanza di energia si commette un errore perchè non si parla del nulla ma dello spazio. bhaa in fin dei conti come dico sempre: je m’en moque!
    ciao, sito interessante i ogni caso

  9. luigiNo Gravatar scrive:

    secondo me il nulla corrisponde alla non esistenza,in effetti nulla esiste,quello che si vede,si tocca si assapora non esiste,è solo scritto.mi spiego il significato che diamo a una qualsiasi cosa è scritto da qualcuno..ma quel qualcuno chi è?l’avete mai conosciuto?pensate di ragionare con il vostro cervello o interpretate solo le parole che ha scritto qualcuno?quel qualcuno chi è?esiste?l’avete mai conosciuto?be…forse è il nulla,e quella cose che rivela la verita di tutto…quello che spiega perchè il mondo non esiste e quello che vediamo effettivamente è niente.

Lascia un Commento